Créez un compte Premium et accédez aux résultats des ventes de plus d'un mois, avec leurs descriptifs et leurs photos !

Voir les offres Premium
Ma sélection

Lot 220 - PITTONI GIOVANNI BATTISTA b. 1687 d. 1767 - Davide dinnanzi all'arca - Olio su tela, [...]

Adjudication sur abonnement

> Voir les offres Premium

PITTONI GIOVANNI BATTISTA b. 1687 d. 1767
Davide dinnanzi all'arca
Olio su tela, 90,5x130
Il quadro, raffigura un episodio biblico narrato
dal Libro di Samuele (6,16-19): Davide, re d'Israele, porta l'arca dell'alleanza a Gerusalemme, la colloca sotto una tenda, la venera e offre ad essa olocausti e sacrifici di comunione.

Nella tela è rappresentato il re Davide in ginocchio, con portamento maestoso ma pieno di profonda devozione, la corona in capo e accanto l'arpa sulla quale compose i salmi. Vicino a lui, in piedi, un sacerdote incensa l'arca, sulla destra due devoti con un fanciullo e un cane.
Il quadro ha una storia illustre e proviene dalla collezione di Frederich Mont (1894-1994). Mont, il cui vero nome era Adolf Fritz Mondschein fu un grande mercante di dipinti antichi attivo prima a Vienna e poi a New York.

Prima di emigrare nel 1930 negli Stati Uniti, Mont era infatti stato proprietario e direttore dell'importante Galerie Sanct Lucas di Vienna.

Il gallerista vendette nel corso del tempo molti dipinti di grandi maestri europei ai più importanti musei americani e fu scelto come unico agente fiduciario anche dal principe del Liechtenstein per la vendita di opere della sua collezione.

Di questo splendido dipinto, rimasto nelle sue raccolte fino al 1969, esiste una seconda versione autografa agli Uffizi di Firenze.

Come afferma Franca Zava Boccazzi, studiosa del Pittoni, "L'opera è compositivamente identica all'esemplare che si trova alla Galleria degli Uffizi ma si qualifica per una particolare preziosità cromatica, tanto che è difficile stabilire, anche per la minima differenza di misure, quale dei due dipinti sia la prima redazione". (p.138, n.61 fig.121 ill.).
Il pittore esprime in questo dipinto una straordinaria vitalità cromatica con preziosi contrasti coloristici. L'eloquente intensità emotiva della figura di Davide, il fervore religioso che pervade la tela, ne fanno uno dei più caratteristici esempi di pittura di soggetto sacro del Pittoni.
Provenienza:
Asta Sotheby's, Londra, 3 dicembre 1969, n.107; Galleria Sanct Lucas, Vienna; Collezione Frederich Mont, Los Angeles; Collezione privata, Italia
Esposizione: Vienna, Biennale, Padiglione Italiano. Mostra del Settecento, 1929, n.11 b.
Bibliografia: L.Coggiola Pittorini "Pseudo influenza francese nell'arte di Giambattista Pittoni" in "Rivista della città di Venezia" agosto, 1933, pp.199 e 412; F.Zava Boccazzi "Pittoni, Venezia" 1979, p.98, fig.122 (ill.).

Demander plus d'information

Thème : Peintures et dessins Ajouter ce thème à mes alertes