Créez un compte Premium et accédez aux résultats des ventes de plus d'un mois, avec leurs descriptifs et leurs photos !

Voir les offres Premium
Ma sélection

Lot 121 - * CALICE IN RAME DORATO, CORALLO, SMALTO E ARGENTO,

Adjudication sur abonnement

> Voir les offres Premium

MAESTRANZE TRAPANESI, PRIMA METÀ DEL XVII SECOLO; il calice di rame dorato si sviluppa in tre parti: una base a figurazioni concentriche sovrapposte, un nodo a vaso e una calotta intarsiata terminante con un modulo in solo rame dorato, in cui è inserita una coppa d'argento. La base presenta nella parte più bassa un piano d'appoggio svasato con coralli a forma di virgole inseriti nel rame tramite il retroincastro. Segue un più stretto giro di puntini e trattini orizzontali, sovrastato dalla superiore bordatura bombata con baccelli di corallo. Vi è poi un'alzata a imbuto rovesciato in cui torna il motivo a virgole a tutto campo con qualche puntino e qualche goccia.
Il nodo centrale presenta una base, uno sviluppo a fiore con baccelli e una bombatura centrale con intarsi a virgola, in cui sono inserite tre testine di cherubini a tutto tondo con ali di smalto bianco. La terminale calotta emisferica presenta più elementi corallini principalmente a virgola con inserito, in un riquadro a trattini di corallo, un cammeo ovale raffigurante la Madonna di Loreto- mancanze e sostituzioni
Alt. cm 29,5, larg. cm 15
AN ITALIAN GILT-COPPER, CORAL, ENAMEL AND SILVER CHALICE, TRAPANI, FIRST HALF OF 17TH CENTURY- LOSSES AND REPLACEMENTS
L'opera proviene infatti dal 'Monastero della Madonna di Loreto di Sciacca', come si legge alla base, scritta comunque verisimilmente posteriore alla realizzazione del calice. Il calice è da riferire ad artigianato trapanese, anche se forse è stato commissionato dal monastero saccense. La pesca del corallo a Sciacca è infatti molto più tarda e non produce un artigianato artisticamente emergente come quello trapanese.
Strettamente paragonabile a questo calice della Galleria Regionale della Sicilia a Palermo, proveniente dalla chiesa di S. Nicolò da Tolentino (cfr. scheda n. 75) che presenta analogie tipologiche e decorative, come pure quella della Collezione Feltrinelli di Milano (A. Daneu, 1964, p. 131, tav. 19°, n. 82).

Provenienza:
Palermo, Collezione Antonio Virga.

Demander plus d'information

Thème : Dinanderie (objets cuivre, laiton, étain Ajouter ce thème à mes alertes