Créez un compte Premium et accédez aux résultats des ventes de plus d'un mois, avec leurs descriptifs et leurs photos !

Voir les offres Premium
Ma sélection

Lot 4 - «Iconostasis», North Russian School, 17th century

Adjudication sur abonnement

> Voir les offres Premium

Iconostasis
(Russia, end of 17th starting of 18th century)

North Russian School
Egg yolk tempera on wood
107 x 44 cm

Full English description on request

L'icona in esame propone una peculiare tipologia di iconostasi, concepita secondo lo schema canonico tradizionale - al punto da rilevarne la piena conformità alla tipologia originaria con l'accentuazione delle cupole della chiesa nella parte alta della tavola -, valorizzata altresì dalla straordinaria capacità artistica dell'iconografo di una delle Scuole del nord, dove periodicamente i più noti iconografi amavano andare per concepire, nella meditazione più assoluta, grandi capolavori, per donare all'osservatore una vera e propria composizione armonica, giocata su tonalità cromatiche tenui e pacate che valorizzano l'afflato spirituale dell'icona.

Ci troviamo, del resto, dinanzi a un "frammento" di chiesa inserito in una dimensione quotidiana e feriale: l'intento dell'ignoto "pittore" (quantunque impropria tale denominazione appare per colui che scriveva la tavola) è dunque quello di valorizzarne la peculiarità canonica proprio accentuando gli elementi di meditazione interiore piuttosto che quelli di effimera artisticità esteriore.
È plausibile che ritenere che tale opera, consideratene soprattutto le dimensioni, fosse destinata comunque a un luogo per il culto: più che l'angolo bello della casa russa, con ogni probabilità una cappella privata o l'abitazione di un esponente di rango elevato della gerarchia ecclesiastica.
Certamente, comunque, il committente voleva, con un sol colpo d'occhio, avere nell'intimità delle mura domestiche la stessa sensazione di bellezza e di santità che provava davanti alla visione delle grandi iconostasi degli edifici liturgici.
La contemplazione di un'iconostasi, per quanto piccola, è infatti in grado di restituire al fedele ortodosso la sensazione di un'anticipazione terrena del Regno di Dio, come scrive l'Apostolo Paolo nella Lettera agli Ebrei (12,1 e segg.): “Anche noi, dunque, circondati da un così gran nugolo di testimoni...”. È una frase emblematica, con la quale lo stesso Paolo evoca la condivisione della "mensa celeste" nella gioia perfetta dei cieli.
La composizione dell'opera segue lo schema classico dell'iconostasi russa a sei ranghi, o file, orizzontali che vogliono descrivere in immagine quanto i testi sacri narrano. L'iconostasi così concepita è dunque la sintesi visiva della storia della salvezza dell'uomo portata a compimento da Cristo. Da rilevare la cura della lavorazione di ogni scena, riquadro e personaggio.

Dal basso verso l'alto si riconoscono i ranghi della devozione locale (Porte regali al centro, Natività di Maria e Dormizione della Vergine rispettivamente a sinistra e a destra per l'osservatore), delle feste liturgiche, dei profeti e dei patriarchi. In alto, sotto le cupole, ecco alcune scene della Crocifissione e, a sinistra, la Resurrezione di Lazzaro.


Descrizione completa

Starting bid :
9000

Demander plus d'information

Thème : Art religieux Ajouter ce thème à mes alertes