Créez un compte Premium et accédez aux résultats des ventes de plus d'un mois, avec leurs descriptifs et leurs photos !

Voir les offres Premium
Ma sélection

Lot 13 - Pokrov Mother of God, School of Moscow, 18th century

Adjudication sur abonnement

> Voir les offres Premium

Pokrov Mother of God
(Russia, end of 18th-starting of 19th century)

School of Moscow
Egg yolk tempera on wood, with gold background
22 x 26,5 cm

Full English description on request

La pittura, nel suo insieme, testimonia la prosecuzione delle tradizioni iconografiche del barocco classicheggiante della prima metà del secolo XIX, con il gusto per le composizioni solenni e ufficiali, ricche di figure, nitidamente organizzate intorno ad un asse verticale e fedeli all’antico principio dell’isocefalia.
I colori sono chiari, di sonorità festosa, i disegni delle vesti minuziosamente elaborate, con una particolare attenzione per i particolari, anche per quelli più piccoli, i decori sono delle piccole miniature, in oro, a punta di pennello, molti anche gli asist dorati.
In particolar modo le vesti del patriarca e della famiglia imperiale sono impreziosite da ricchi assist d’oro con ornamenti di gusto barocco.

Alla famiglia imperiale riconoscibili dai capi coronati e ai prelati, si rivolge Romano il melode al centro della composizione, il quale regge con la mano destra un rotolo che si sviluppa verso l’alto.
Nell’angolo destro si trova il miracolo che ha permesso a Romano di poter cantare in maniera unica, ovvero la Madre di Dio che, durante il sonno del giovane, gli ha fatto ingoiare un rotolo.
Fra queste due scene è presente il santo Andrea parzialmente vestito da un mantello verde, con barba e capelli bianchi, la mano destra alzata, vicino al quale il giovane discepolo Epifanio è rappresentato con una tunica rossa.
In alto la Madre di Dio in una mandorla dorata stende sugli astanti il suo velo, per proteggerli, così protegge l’umanità intera, è affiancata da due schiere di santi, tutti con i nimbi dorati, ognuno descritto in maniera unica e con le vesti ricche di particolari e di assist, nonostante la loro dimensione sia contenuta.

I primi di entrambe le schiere sono quattro arcangeli, a chiudere la rappresentazione ci sono un serafino e Gesù in un cerchio dorato, con la mano destra benedicente, mentre con la sinistra regge il Vangelo chiuso.

I decori dell’interno della chiesa sono in oro, con un bel lavoro di bulino il maestro iconografo è riuscito nella mirabile impresa di far affiorare moltissimi particolari.

Nella parte alta la chiesa di color rosa presenta cinque cupole dorate su ognuna delle quali è collocata una croce ortodossa di colore rosso.
Il minuzioso modellato dei volti con minute e lievi lumeggiature, lo stile dei fregi ornamentali, la doratura a mecca, la scelta dei colori nonché il disegno delle figure, suggeriscono che si tratta di una icona eseguita in una delle botteghe di Vecchi Credenti che aveva rese proprie le tradizioni della Scuola degli Stroganov.


Tutti gli elementi caratterizzanti questa icona portano ad una delle migliori Scuole Iconografiche di tutta la Russia, quella di Mosca, dove venivano eseguiti capolavori su fondo oro, vale la pena sottolineare la mole di lavoro che ha permesso la realizzazione di una icona simile, dove la capacità del maestro è stata quella di rendere omogeneo l’insieme.


Esposizione: Mostra “Bellezza Divina” presso chiesa di Sant’Angelo Milano 2013-‘14
Pubblicazione: “Bellezza Divina” Edizioni Academia 2013

Descrizione completa

Starting bid :
1500

Demander plus d'information

Thème : Art religieux Ajouter ce thème à mes alertes